Protocollo di intesa per la Relazione integrata di conformità edilizia e catastale

12 Giugno 2018

Al termine di un interessante e proficuo Convegno che ha visto la partecipazione numerosa dei vari professionisti coinvolti e l’intervento del Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, Professoressa Stefania Pacchi e del Professor Stefano Pagliantini, il protocollo d’intesa, formalizzato con l’obiettivo di indicare un’interpretazione ed un linguaggio comune per la redazione di una “Relazione Integrata di Conformità Edilizia e Catastale”, è stato sottoscritto dai rappresentanti degli Ordini dei Notai del Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Siena e Montepulciano, degli Ingegneri della Provincia di Siena, degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Siena, dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Siena, dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Siena e della FIAIP.

“Come è noto il legislatore ha annesso importanza essenziale alla regolarità urbanistica degli immobili, tanto da sancire la incommerciabilità degli immobili affetti da abusi edilizi. È facile immaginare quali possono essere le conseguenze per l’acquirente nella ipotesi malaugurata che venga stipulato un atto notarile avente ad oggetto un immobile sul quale sono stati compiuti abusi edilizi. Il legislatore ha previsto una duplice serie di garanzie a favore dell’acquirente, e cioè l’obbligo per il venditore di compiere un’analitica dichiarazione sulla regolarità urbanistica, sotto pena della sua responsabilità penale, nonché la nullità degli atti aventi ad oggetto un immobile abusivo che venissero ugualmente stipulati.” [...]

tratto da "Urbanistica e Agibilità” – a cura del Notaio Andrea Pescatori (vedi allegato sotto)

- - > "Protocollo"

- - > "Urbanistica e agibilità" a cura del Notaio Andrea Pescatori

- - > "Relazione integrata - con riferimenti legislativi"

News Giuridiche

28/02/2024

Whistleblowing: le linee guida ANAC

In continuità con le indicazioni del Garante,